L’Indice FAO dei prezzi alimentari (FFPI) che misura mensilmente la variazione dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari che comprende cereali, oli vegetali, prodotti lattiero-caseari, carne e zucchero, ha segnalato nel suo insieme un calo del 13,7% per i prezzi 2023 rispetto all’anno precedente. Ma ci sono forti differenze tra i prodotti presi in esame.

Entrando più in dettaglio dei singoli prodotti, l’indice FAO dei prezzi dei cereali per l’intero anno ha registrato un calo del 15,4% rispetto alla media annuale del 2022. Il report della Food and Agriculture Organization of the United Nations segnala che, dopo essere diminuiti per quattro mesi consecutivi, i prezzi all’esportazione del grano sono aumentati a dicembre, sostenuti dalle interruzioni logistiche legate alle condizioni meteorologiche in alcuni dei principali esportatori e dalle tensioni nel Mar Nero in un contesto di domanda solida. Anche i prezzi mondiali del mais si sono rafforzati a dicembre, sostenuti dalle preoccupazioni per le semine del secondo raccolto in Brasile e dai vincoli logistici che ostacolano le spedizioni dall’Ucraina. Tra gli altri cereali secondari, i prezzi mondiali dell’orzo sono aumentati, mentre i prezzi del sorgo sono leggermente diminuiti. A dicembre, l’Indice FAO dei prezzi del riso è salito dell’1,6% al di sopra del livello di novembre, portando l’aumento annuo al 21% nel 2023, in gran parte a causa delle preoccupazioni per l’impatto di El Niño sulla produzione di riso e all’indomani delle restrizioni all’esportazione imposte dall’India.

Passando ai prezzi degli oli vegetali nel 2023 il calo è stato addirittura del 32,7% rispetto al 2022 e segnando un minimo di tre anni a causa del miglioramento delle forniture globali. In generale, e marcatamente nell’ultimo periodo, il calo riflette il calo dei prezzi mondiali degli oli di palma, soia, colza e semi di girasole, sostenuto da acquisti modesti da parte dei principali importatori, nonostante le produzioni stagionalmente inferiori nei principali paesi produttori. Nel frattempo, i prezzi mondiali dell’olio di soia sono diminuiti di oltre il 3% rispetto a novembre a causa di un rallentamento della domanda da parte del settore del biodiesel, nonché del miglioramento delle condizioni meteorologiche in alcune delle principali regioni di coltivazione del Brasile. I prezzi internazionali degli oli di colza e di semi di girasole sono diminuiti a causa della domanda di importazioni globali più modesta.

Nel 2023 nel suo complesso, l’Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari si è attestato in calo del 16,6% rispetto alla media del 2022, sostenuto da una domanda di importazioni poco brillante, soprattutto per le forniture spot, in un contesto di ampie scorte nei paesi importatori, che riflette il calo dei prezzi di tutti i prodotti lattiero-caseari. Nell’ultimo periodo c’è stato un aumento mensile trainato dalle quotazioni di burro, latte intero in polvere e formaggio (burro e formaggio sostenuti principalmente dalle forti vendite interne in Europa occidentale in vista delle festività natalizie).

Passando alla carne nel 2023 nel suo complesso, l’Indice FAO segnala un calo del 3,5% dei prezzi, a causa dell’aumento della disponibilità di esportazione dalle principali regioni esportatrici a fronte di una domanda di importazioni sottotono da parte dei principali paesi importatori di carne che riflette il calo dei valori medi annuali per le carni bovine, avicole e ovine, parzialmente compensato da un aumento dei prezzi medi della carne suina. A dicembre, i prezzi internazionali delle carni suine sono diminuiti, sostenuti dalla persistente debolezza della domanda di importazioni dall’Asia, nonostante una ripresa delle vendite interne stagionali in alcuni paesi esportatori. Nel frattempo, anche i prezzi delle carni bovine e di pollame sono diminuiti, riflettendo un minore interesse all’acquisto in Asia, insieme alle ampie forniture esportabili nelle grandi regioni produttrici. Al contrario, i prezzi della carne ovina sono rimbalzati dopo due mesi di cali consecutivi a causa di una domanda più forte in vista delle vacanze e di un calo delle forniture di macellazione in Oceania, poiché le recenti piogge hanno allentato la pressione per lo scarico degli animali per la macellazione.

Fonte: https://www.alimentinews.it/attualita/news/1443-prezzi-alimentari-internazionali-in-calo-nel-2023-secondo-l-indice-fao